Si fa per parlare...

Chi è Jack O’Lantern? Il segreto della zucca illuminata.

Il simbolo per eccellenza della notte di Halloween è un volto più o meno terrificante intagliato in una zucca illuminata da una luce al suo interno. Ma di chi è quella faccia spaventosa e cosa rappresenta?

Jack O’Lantern zucca illuminata

Jack O’Lantern la mia zucca illuminata

Tutto ebbe inizio da un’antica leggenda del folklore irlandese, che narra le avventure di un fabbro scansafatiche chiamato Stingy Jack, uomo avaro, famoso in tutto il Paese per essere un vero truffatore. Non sappiamo quando successe il fatto, ma le voci sul suo conto arrivarono fino al Diavolo in persona, che decise di andare personalmente a conoscerlo per verificarne la perfida reputazione.

Si dice che lo fece un pò per invidia e un pò per ammirazione, così in una notte d’autunno, mentre Jack vagava per le campagne, sul cammino gli si parò dinnanzi Satana.

Il pover uomo capì subito che era giunta la sua ora, il Re degli Inferi era lì per raccogliere la sua anima malvagia. Jack fece un’ultima richiesta: prima di morire desiderava bere della birra. Il Diavolo non ci trovò niente di male e così lo accompagnò al pub più vicino.

Arrivato il tempo di andare, convinto da Jack, il Diavolo si trasformò in una moneta d’argento per pagare l’oste. Lo scaltro Jack mise il soldo nel suo borsello dov’era custodito un piccolo crocifisso. Così fatto, Satana non ebbe scampo e non riuscì a riprendere la sua originale forma.

Jack O’Lantern zucca illuminata

Dieci anni ….

L’inganno costrinse il Signore del Male ad accettare un patto in cambio della liberazione: ” Tu oggi non mi prenderai, anzi mi lascerai ancora vivere per altri dieci anni!”. Il Diavolo acconsentì, ma gli anni passarono veloci, e allo scadere, Jack si trovò nuovamente al suo cospetto. Come la prima volta, l’incontro avvenne su una strada di campagna e, questa volta, Jack desiderò una mela prima di morire. Nuovamente Satana non trovò nulla di male nella sua richiesta e acconsentì.

Il Diavolo salì su un albero per cogliere la mela, ma a quel punto Jack incise con un coltellino una croce sul tronco e Belzebù fu nuovamente messo in trappola. Per essere liberato, il nuovo patto con Flaky Jack, era che non sarebbe mai andato negli Inferi. Il Signore del Male, suo malgrado, dovette accettare anche questo nuovo accordo.

Gli anni passarono e il dissoluto stile di vita di Jack non gli lasciò scampo. Morì ed andò così al cospetto di Dio per entrare in Paradiso, ma fu respinto a causa del suo comportamento in vita. Si diresse quindi davanti alle porte dell’Inferno, ma il Diavolo, costretto dal patto, gli vietò l’ingresso. ” Ma dove posso andare?” implorò il fabbro, “Torna da dove sei venuto” sentenziò Satana che gli diede un tizzone ardente per illuminare il cammino del ritorno.

Per non farlo spegnere a causa del vento, Jack mise il tizzone dentro una rapa scavata e fu così che divenne Jack O’Lantern, simbolo delle anime dannate e condannate a vagare sulla terra per sempre. Assieme alla sua lanterna.

Jack O’Lantern zucca illuminata

Zucca o rapa?

Per ricordare Jack facendolo rivivere ogni anno, si intagliano zucche con il suo volto inciso. Si dice allontani gli spiriti malvagi nella notte di Halloween, quando il velo tra mondo dei vivi e dei morti si assottiglia e le anime possono vagare indisturbate sulla Terra. In Irlanda, fino alla metà del 1800, si intagliavano rape e patate, ma con la migrazione del 1850 (la Grande Carestia delle Patate) verso l’America, le abitudini cambiarono. Il popolo irlandese portò nel Nuovo Mondo le proprie usanze e per festeggiare Samhain, utilizzò ciò che era più facile reperire: le zucche.

Jack O’Lantern zucca illuminata

Intagliamo la zucca!

Le zucche che abbiamo intagliato quest’anno

L’intaglio della zucca la pratica simbolo della tradizione di Halloween. Serve per trasformare una zucca o una rapa in lanterna e ci ricorda la leggenda di Jack’O’Lantern.

La prima cosa da fare è comprare una bella zucca. Se prendete quelle puramente decorative, che quindi non sono edibili, vi accorgerete, tagliandole, che dentro hanno poco scarto. Sono sicuramente più facili da svuotare e le consiglio a chi è alle prime armi.

Gli strumenti di cui avrete bisogno sono:
– una o più zucche
– matita, gomma, pennarello nero tipo Uniposca
– coltello adatto all’intaglio
– un cucchiaio

– alcool o acetone

Jack O’Lantern zucca illuminata

Disegnare la zucca

Uno dei passi più importanti è scegliere il disegno da incidere prima di procedere all’intaglio. Fatto questo, è necessario trovare il lato migliore della zucca, per fare un buon lavoro la faccia andrà disegnata centrata. Fate delle prove con la matita, poi appena sarete pronti, con un pennarello non indelebile, procedete a disegnare i contorni.

Paolo ed io abbiamo comprato due zucche, così ognuno ha disegnato la sua…senza litigare 😉 I volti che più ci piacevano li abbiamo trovati su internet, poi li abbiamo disegnati a mano libera con la matita direttamente sulla zucca. Vi assicuro che è facile, anche per chi non sa disegnare bene. Infatti non è necessario che il tratto sia perfetto, si può sempre rimediare quando poi si procede all’intaglio. Inoltre, se una narice è più piccola dell’altra o un occhio è diverso dall’altro, la zucca sarà ancora più terrificante e sicuramente unica!

Jack O’Lantern zucca illuminata

Svuotare e intagliare la zucca

Questo procedimento lo possono fare solo gli adulti. Infatti è necessario un coltello affilato e appuntito per incidere la sommità della zucca. Si taglia la calotta tutt’intorno al picciolo, poi si inizia a svuotare, togliendo tutto ciò che si trova al suo interno. Questo ortaggio è pieno di fibre, filamenti e semi, è quindi necessario pulirla molto bene aiutandosi con un cucchiaio.

Quando è ben pulita, si può procedere all’intaglio con un coltello più piccolo o con quello con cui vi sentite più sicuri. Il procedimento deve essere lento, poi non si torna indietro! Infatti io ho messo Paolo a gestire tutta l’operazione, perchè è molto più preciso di me 😉

Successivamente i bordi dovranno essere rifilati, usate sempre un coltello a lama liscia. Quando avrete finito, se è rimasto qualche bordo sporco di pennarello, pulitelo con dell’alcool o dell’acetone per le unghie. Prima di mettere dentro la candela, lucidate la superficie della vostra zucca con un batuffolo imbevuto di olio da tavola per darle un aspetto brillante.

Le nostre Jack O’Lantern illuminate

Jack O’Lantern zucca illuminata

Qualche consiglio:

Le zucche si deteriorano facilmente. Ci sono dei metodi per non farle marcire e quindi per rallentarne la decomposizione. Subito dopo l’intaglio, riempite uno spruzzino di acqua e candeggina. Spruzzate la vostra zucca con questo liquido, sia dentro che fuori, insistendo sui bordi tagliati. La candeggina ritarda la muffa e l’acqua idrata la polpa. Lasciatela asciugare e solo successivamente lucidatela con un pò di olio. Se proprio volete esagerare, potete cospargere i bordi con la vaselina, creerà un film protettivo.

Se fate questo procedimento, meglio mettere dentro la zucca una candelina a led, perchè è più sicura e non infiammabile.

Jack O’Lantern zucca illuminata

Articoli correlati:

DOLCETTO O SCHERZETTO?
LA VERA STORIA DI HALLOWEEN
COME DECORARE LA CASA

Fonti e citazioni:
www.en.wikipedia.org
www.ghostbusters.fandom.com
www.irlandando.it
www.docplayer.it

2 Comments

  • Ubi

    Ho provato anch’io a intagliare una zucca, era la prima volta! Ho seguito i tuoi consigli ma diciamo che non è bella come le tue… il prossimo anno ritento!! Comunque grazie Lara, le foto sono belle e la spiegazione è ok!

    • lara_uguccioni

      Vedrai che con un pò di pazienza sarà perfetta, ci vuole tanta calma, a me piacciono anche le zucche intagliate grossolanamente. Il prossimo anno mi farai sapere 🙂
      Ps: prova a prendere un coltello piccolo e appuntito. Io ne uso 2, uno piccolo e uno con la lama poco più grande. Per intagliare è necessario che siano ben affilati e senza seghetta come quelli da tavola. Incidi il bordo, poi in un secondo momento lo vai a rifinire, soprattutto dentro, togliendo un pò di polpa. Buona fortuna!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *