New England,  New Hampshire

Foliage: La magia dell’autunno nel New Hampshire USA

Sono arrivata nel New Hampshire a settembre inoltrato percorrendo la US95 dal Maine direzione White Mountain National Forest. Ci vogliono 5 ore e mezza di strada per percorrere questo tragitto, tra boschi, villaggi e centinaia di empori sulla strada dove viene sempre voglia di fermarsi per dare un’occhiata all’interno. Il New Hampshire è uno dei più piccoli Stati americani, una pietra preziosa incastonata tra le White Mountains e l’Oceano Atlantico chiamato The Granite State, lo Stato del Granito. E’ qui che si estrae il Concord Grey, uno dei graniti più famosi al mondo.

Grande poco meno della Sicilia, è una terra tranquilla, colta che rispecchia tutta l’essenza e l’identità della regione che la ospita: il New England. Il New Hampshire offre al viaggiatore un’inesauribile abbondanza di esperienze. Infatti oltre agli sport invernali ed estivi è possibile immergersi nella vera  wilderness, cioè in quella natura selvaggia sempre più difficile da trovare. Inoltre vanta una scena culturale ricca di eventi e manifestazioni, che si concretizza armoniosamente nell’incanto del contesto naturale. Gli abitanti sono per un quinto francesi, discesi nel 1800 dal vicino Quebec per lavorare negli stabilimenti cartari e tessili. Portarono con loro le tradizioni culinarie e agricole tipiche della loro origine e che ancora permangono integre nel vissuto contemporaneo quotidiano.

Il momento migliore per visitare questo meraviglioso Stato è proprio l’autunno, quando la natura si tinge dei colori tipici della stagione. Il New Hampshire, ai miei occhi è parso come un fazzoletto d’America rimasto pressoché immutato nel tempo, cioè da quando faceva parte delle Tredici Colonie. Il suo aspetto è di un giardino felice, di una contrada serena dove il tempo rallenta regalando attimi di vera pace.

Covered bridges, i ponti coperti del New Hampshire

Flume Covered Bridge

Quando si parla di New Hampshire diventa importante citare i ponti coperti, storiche strutture che evocano la nostalgia per i tempi passati. Sono molto cari alla comunità del Paese e vengono chiamati anche con altri nomi che li caratterizzano maggiormente. Kissing Bridges, per i tanti baci rubati dati sotto l’ombra delle travi nei giorni in cui le manifestazioni pubbliche di affetto erano disapprovate. Ponti Sospesi, perchè visti da certe angolazioni sembrano fluttuare a mezz’aria. Più comunemente chiamati Covered Bridges, è facile trovarli poco fuori le piccole cittadine del New Hampshire che attualmente ne conta 66 a fronte dei 400 censiti a inizio 1900. I ponti venivano coperti non solo per preservare il legno con cui erano costruiti, ma anche per non spaventare i cavalli che con la vista del fiume sottostante, si sarebbero imbizzarriti.

Un famoso ponte dei baci è il Cornish-Windsor che attraversa il fiume Connecticut collegando Cornish nel New Hampshire e Windsor nel Vermont. E’ l’unico ponte nel New England che ti porta da uno Stato all’altro e non solo, ha la caratteristica di essere il più lungo ponte coperto d’America (137 mt). Costruito nel 1866 era inizialmente un’importante via commerciale dove si pagava il pedaggio. Windsor era una città che permetteva la vendita di alcool quindi, per chi passava diretto alla puritana Cornish, il pedaggio era maggiorato.

autunno New Hampshire USA

Questa bella foto del Sentinel fatta da dentro il fiume è di Catherine Gagne scattata nell’ottobre del 2016.

Uno dei ponti più emozionanti è il Sentinel Pine Bridge, percorribile solo a piedi pagando una tassa d’ammissione per visitare la Flume Gorge, una gola a dire di molti di impressionate bellezza. Il Flume Trail è un circuito di sola andata lungo 2 miglia che si possono fare in circa un’ora e mezza di cammino tra una natura selvaggia che vale la pena vedere.

Il percorso è piuttosto impegnativo, salite e discese ripide, scale e passerelle dove però è possibile osservare la flora di questi incantevoli boschi, fatta di muschi, fiori e felci. Credo sia strepitoso in autunno, la magia di immergersi in un quadro e di vedere con i propri occhi il Sentinel Pine Bridge che, da certe angolazioni, pare sospeso a mezz’aria.

autunno New Hampshire USA

Appena a nord della Kancamagus Highway, sei miglia ad ovest della NH Route 16 su Dugway Road, nella foresta che circonda la cittadina di Albany, si trova un meraviglioso ponte che attraversa il fiume Swift. Albany Covered Bridge è datato 1858 ed è uno dei ponti coperti più visitati dello Stato, perchè il luogo dove si trova è incredibilmente pittoresco soprattutto in autunno. Inoltre siamo proprio a pochi chilometri dalla strada panoramica Kancamagus Highway, una delle vie più scenografiche da percorrere per chi decide di venire da queste parti.

Con lo sfondo delle White Mountain, il tetto rosso e la facciata rustica con le assi ad X che formano delle grandi finestre, l’Albany Covered Bridge è il più fotografato del New Hampshire. I migliori scatti includono anche il fiume Swift, costellato dalle tante rocce di granito levigato, che scorre sotto questo punto di collegamento dal 1858.

E’ emozionante visitare i ponti coperti, a parte il panorama incredibile che li circonda sono talmente caratteristici dell’America rurale che sanno portare indietro nel tempo il visitatore. Attraversarli è come entrare in uno dei tanti film che ho visto alla tv, dai Ponti di Madison County a Il mistero di Sleepy Hollow, passando per IT arrivando a Anne of green gables a fino a Stand by Me. Tutta l’America infatti è costellata di queste meraviglie coperte che paiono come sospese nel tempo e nello spazio e il loro fascino ha portato molti registi a usarli come scenografie e set. Una meraviglia di altri tempi, luoghi magici che stimolano la fantasia suscitando sempre intense emozioni.

Il foliage del New Hampshire

“Come invecchiano bene le foglie. Quanto pieni di luce e colore sono i loro ultimi giorni!” 

John Burroughs – poeta e naturalista americano

Tutto il New England è famoso per il foliage, quel fenomeno che in autunno colora la natura con i toni caldi del sole. Gli alberi mutano le chiome e da verdi si tingono di giallo, rosso e castano, prima di abbandonare le foglie al suolo. Questo evento richiama ogni anno milioni di amatori come me nelle destinazioni più disparate del mondo, tutti armati di macchina fotografica per trovare lo scatto perfetto. Proprio il New Hampshire è uno dei luoghi più visitati durante questo periodo dell’anno, perchè qui, come in buona parte del New England oltre alle querce e ai pioppi, ci sono gli aceri rossi, nativi della parte nord orientale degli Stati Uniti.

Ci sono tante varietà di aceri ovviamente, tutte responsabili dei toni del rosso più intenso. Nelle incontaminate foreste che ricoprono questo Stato è facile trovare scorci fantastici da fotografare, immergendosi in una natura selvaggia che fa tanto bene al corpo e alla mente.

autunno New Hampshire USA

Non a caso sui social in questo periodo, vengono pubblicate ogni minuto fotografie che ritraggono varie destinazioni nel mondo, vestite con sfumature calde e intense: gli inconfondibili colori dell’autunno. Sono proprio questi che ci fanno amare la stagione di mezzo, dove tutto pare sospeso, racchiuso in una natura che fa da padrona di casa. Nessuno è immune al fascino del foliage e in autunno la natura raggiunge uno dei suoi massimi momenti d’espressione quando protagoniste sono le foglie. Tutto il New England è famoso per i paesaggi magici dove l’esplosione del rosso intenso degli aceri e dei ciliegi selvatici, le brillanti tonalità del giallo, dell’ ocra e arancione, mescolate ai toni marroni dei faggi e delle antiche querce, creano giochi di colori e di luce, trasformando i boschi in paesaggi magici e i parchi cittadini in luoghi da riscoprire.

Al contrario di quello che si può pensare, foliage non è una parola francese, ma di origine inglese che significa fogliame. In italiano indica il fenomeno del cambiamento di colore delle foglie che si verifica prima che cadano a terra, in autunno. E’ un fenomeno che fa bene agli occhi, ma anche allo spirito. Passeggiare in un bosco o nel parco, tra paesaggi poetici, tra un caleidoscopio di sfumature dorate, allontana i pensieri e rilassa i muscoli del nostro corpo.

autunno New Hampshire USA

Lake Winnipesaukee – New Hampshire, regione dei laghi (ph web)

Famosissimi sono i paesaggi autunnali del New England, che hanno dato vita a un vero e proprio fenomeno culturale, chiamato informalmente dagli americani leaf peeping, letteralmente “foglia che fa capolino”. Le specie arboree più diffuse in questo territorio: aceri, frassini, cornioli e querce che assumono colorazioni uniche. Il termine leaf peeping è molto usato negli Stati Uniti e in Canada per indicare l’attività delle persone che viaggiano in cerca di luoghi dove fotografare il fogliame autunnale. Diciamo che anche io sono sicuramente una di quelle persone!

Se si è diretti sulle White Mountain ci sono diversi punti panoramici dove fermarsi a gustare vedute meravigliose dedicate alla caduta delle foglie. Ovviamente non si può non percorrere la Kancamagus Highway, una delle strade più famose del foliage, fino ad arrivare allo Scenic Overlook “C.L. Graham” Wangan Grounds che offre una vista spettacolare sullo Swift River Watershed e sulle montagne a nord e ad est. Questo belvedere è anche chiamato “The Wagan Ground” o “luogo d’incontro” dei nativi americani che vivevano e cacciavano in questa zona del New Hampshire. E’ infatti un luogo mistico, ai piedi delle montagne, facilmente raggiungibile anche in auto, situato appena sotto la vetta del Kancamagus Pass. Il nome Kancamagus significa impavido ed è ovviamente stato dato dai nativi americani che qui un tempo, abitavano.

“L’inverno è un’acquaforte, la primavera un acquerello, l’estate un dipinto a olio e l’autunno un mosaico dei tre” . – Stanley Horowitz, editore

Piatti tipici

Oltre ai piatti tipici del New England come la Clam Chowder la tipica zuppa di vongole, o il Lobster Roll, il panino con l’astice, in NH è possibile mangiare il Popover. E’ una specie di muffin dal nome buffo tipico del New England rurale dall’esterno croccante e dal cuore morbido. Il nome deriva dal fatto che durante la loro cottura, la pastella dei popover “salta” fuori (pop over) gonfiandosi verso l’alto. Questo panino dolce americano è molto simile allo Yorkshire pudding inglese e sicuramente è proprio da lì che deriva. Solitamente è a base di uova e viene condito con frutta, panna montata, burro e confetture, servito all’ora del tè. Si trovano varianti salate, ne ho mangiata una a Portland ripiena con purè di zucca e un tocco di noce moscata.

Qui trovate la ricetta di Martha Stewart che per chi non lo sapesse è una famosissima conduttrice televisiva statunitense. I suoi programmi dedicati alla cucina, al fai date, al giardinaggio sono seguitissimi e anche se è arrivata alla veneranda età di 80 anni, è ancora la migliore nel suo campo.

Molto conosciuto da queste parti è il Whoopie Pies, due dischi soffici di torta al cacao con un ripieno di crema alla vaniglia e marshmallow. L’impasto della torta è ricco, corposo e il ripieno è incredibilmente dolce. Una combinazione di crema al burro in tipico stile americano al sapore di marshmallow che sono piccoli cilindri di zucchero al sapore di vaniglia.

Quando si passa per Freeport nel Maine, una cittadina/outlet molto famosa, è possibile assaggiarli al Wicked Whoopies che vende praticamente solo questo tipico dolce del New England. Io li ho assaggiati lì, dopo aver visitato il leggendario store LL Bean. Potete trovarne 20 varietà differenti, c’è solo l’imbarazzo della scelta!

autunno New Hampshire USA

Le ciambelle al sidro di mele, anche questo prodotto tipico del NH, sono una delizia per il palato di grandi e piccoli. Esteticamente simili alle nostre, hanno un sapore avvolgente, arricchito dalla cannella che rende questo dolce senza tempo. Vengono chiamate Cider Bellies Doughnuts e si trovano nei gusti più disparati, anche se io le preferisco solo con una spolverata di zucchero sopra. Sempre con il sidro, in questo Stato si può berlo come drink caldo con pistacchi e cannella magari per riscaldarsi in una fredda notte d’autunno.

Il New Hampshire è rinomato anche per i premiati birrifici locali, inoltre molte aziende offrono sidro artigianale, liquori e vino. Si possono addirittura fare dei tour nelle aziende vinicole dello Stato, ideali per gli appassionati o anche solo per i curiosi come me. Poi c’è il vino che qui viene prodotto in quantità e non solo a base di uva, ma anche di miele. Ci sono 30 aziende vinicole ed è possibile visitarne alcune dove il vino è accompagnato da degustazioni di formaggio. In questo Stato più che in altri, è possibile fare diversi tour enogastronomici perchè le materie coltivate sono tantissime.

Inoltre per le strade è possibile incontrare mercatini alimentari delle stesse aziende che vendono direttamente al consumatore. E’ ancora una vera tradizione qui andare a fare la spesa nei mercati dei coltivatori locali. Con musica dal vivo, prodotti da forno, delizie gourmet e frutta e verdura di produzione propria ad ogni angolo, una giornata al mercato degli agricoltori è un’esperienza da fare durante i mesi più caldi. Poi, quando le temperature scendono, in tutto il New Hampshire si trovano mercatini invernali che celebrano l’abbondanza e il sapore locale anche della stagione più fredda.

autunno New Hampshire USA

A spasso per il New Hampshire

Il New Hampshire è un luogo dove è bello perdersi tra le stradine di campagna e le piccole vie dei paesi che si incontrano lungo la strada. E’ possibile andare alla scoperta delle tante fattorie e piccole imprese a conduzione familiare che vendono i propri prodotti al dettaglio. Sembra strano, ma uno dei prodotti maggiormente venduti è il gelato. Sì perchè in questo Stato ci sono tantissime mucche, quindi latte e panna in quantità. Uno dei più famosi è il Frisky Cow Gelato fatto con ingredienti locali, che viene venduto in una piccola gelateria in città.

Questo gelato è prodotto a Keene utilizzando ingredienti completamente naturali, tra cui zucchero di canna puro e latte fresco della Stonewall Farm di Keene. Altro prodotto della zona è lo yogurt, molto apprezzato e famoso è lo Stoneyfield Yogurt che ha sede a Londonderry.

autunno New Hampshire USA

Alcune di queste fattorie propongono il U-Pick o Pick-Your-Own. Puoi andare a visitare l’azienda e prenotarti per cogliere da solo la merce che vuoi acquistare. E’ possibile consultare su internet le fattorie che aderiscono e i loro calendari della raccolta che indicano cos’è disponibile e quando. La trovo una cosa fantastica, deve essere sicuramente un’esperienza unica. Inoltre il New Hampshire è la terra dei festival, qui si festeggia ogni tipo di prodotto locale. Agli americani piace questo tipo di festa e anche a me. Non sono altro che sagre di paese e se ne trovano tantissime. Esistono i festival dei mirtilli, dei pomodori, del mais e il famoso Apple Festival, dove la protagonista è la mela. Nel NH si festeggiano le mele a metà di ottobre e uno dei più conosciuti è Sullivan Farm Charity Apple Fest. C’è la gara di torta di mele, le gite nel fieno, labirinti di granturco, gare di decorazioni di zucche, creazione di spaventapasseri, stand di cibo e bevande oltre a tanta musica.

autunno New Hampshire USA

I Fall Harvest Festival, i festival del raccolto autunnale sono i miei preferiti. Mi ricordano tanto il villaggio di Stars Hallow nella serie Gilmore Girl tradotta in italiano come “Una mamma per amica”. Adoro le ambientazioni autunnali, la celebrazione delle stagioni che cambiano, le feste di paese con le tradizioni e il cibo tipico. Trovo magico celebrare il tempo che passa, come trovo magico l’autunno e tutte le sue sfumature. Non è un caso che io in America ci sia andata per la maggior parte delle volte proprio in autunno. Lo faccio per vedere la natura che cambia, per l’odore di sidro di mele nell’aria, per le decorazioni a tema Halloween che si trovano in tutto il grande Stato Americano.

Per me non è un modo di tornare bambina, dove abito non ci sono festival del genere, ma partecipare a questi eventi è un sentirmi parte della comunità. Integrarmi con la storia e la cultura dei luoghi visitati mi da modo di viverli a 360 gradi e poi in fondo “tutto il mondo è paese” quindi tutto il mondo è anche il mio. Ogni luogo che mi attrae e che mi porta a visitarlo ha inevitabilmente qualcosa che mi attira facendomi sentire come se fossi a casa. Perchè sentirsi a casa per me non è solo un luogo, ma è quasi sempre una sensazione che mi fa dire “sono al sicuro”, nel posto giusto. Il New England per me è così, una sensazione di casa sia quando sono lì che quando lo ricordo con nostalgia. E’ una terra a cui inspiegabilmente sento di appartenere e il solo pensarla mi avvolge donandomi qual calore che mi fa dire “tornerò, perchè quello è il mio posto, è lì che sono a casa mia”.

Articolo di Lara Uguccioni

Zucche fuori da uno Store sulla strada
Zucche al supermercato
Decorazioni autunnali fuori da una casa
Decorazioni autunnali fuori dall’hotel a Lincoln dove ci siamo fermati per la notte

Fonti e citazioni:
onlyinyourstate.com
nhstateparks.org
gevgelija-tourism.com

newengland.com
indianeagle.com
visitnh.gov

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.